Emergenza coronavirus: riduzione attività ambulatoriale

 mercoledì 11 marzo 2020

A partire da mercoledì 11 marzo

Si comunica che, in seguito all'emergenza coronavirus, sono state decise alcune disposizioni rispetto all'attività ambulatoriale.

Nello specifico, è sospesa a partire da mercoledì 11 marzo:

- tutta l’attività chirurgica in elezione, esclusi gli interventi oncologici e tutti quelli in classe A ovvero non rinviabile a giudizio motivato del clinico; rimane inalterata l’attività chirurgica urgente, salvavita e traumatologica.

- tutta l’attività ambulatoriale, ad eccezione delle visite in priorità B oltre a quelle individuate come indispensabili dallo specialista di riferimento.

Per le visite di follow up e di controllo programmato il personale medico, coadiuvato da altro personale sanitario, contatterà telefonicamente o in altro modo i pazienti che potranno essere gestiti per quanto appropriato attraverso questa modalità o essere rinviati ad altra data.

L’effettuazione dell’attività di prelievo deve essere allocata, per quanto possibile, nelle strutture territoriali e, in ogni caso, organizzata su prenotazione con modalità di accesso frazionato e di utilizzo delle sale di attesa che consenta il mantenimento di distanze di sicurezza (almeno un metro).

I prelievi ematici presso San Daniele, Tolmezzo, Gemona e Codroipo saranno eseguiti su appuntamento (call center o CUP); i controlli programmati (INR, altri) saranno gestiti direttamente dal personale del Punto Prelievi.

Le indicazioni, relative alla sospensione dell’attività ambulatoriale programmata valgono anche per tutte le strutture ospedaliere e ambulatoriali private convenzionate con il Servizio sanitario Regionale.

Viene inoltre rimodulata all’interno del dipartimento di Prevenzione l'attività programmata al fine di ricondurre le risorse umane nella gestione dell’emergenza

Viene infine sospesa l'attività di gruppo nelle aree materno infantili dei distretti.